Affare Brexit fatto: cosa significa per i rivenditori online?

18 January, 2021

E-Commerce Destinations

L'UE e il Regno Unito hanno finalmente raggiunto un accordo commerciale a pochi giorni di distanza e il trattato si applicherà a partire dal 1° gennaio 2021. Qui di seguito vengono illustrate le principali implicazioni per i rivenditori online.

Commercio in esenzione da dazi doganali (e da contingenti)
Questo è il principale aspetto positivo su cui entrambe le parti si stanno concentrando. Tuttavia, questo è condizionato dai requisiti delle Regole di Origine. Quindi, per i dettaglianti del Regno Unito che acquistano merci da oltreoceano e le vendono ai consumatori dell'UE, o per i dettaglianti dell'UE che vendono nel Regno Unito, potrebbero essere ancora dovuti dei dazi sulle importazioni.



Se i consumatori sono tenuti a pagare questi dazi/tasse all'importazione, ciò può causare attrito, tuttavia sono disponibili opzioni su misura per il pagamento dei dazi alla consegna, dove il rivenditore può coprire queste spese e fornire allo shopper un prezzo di costo completamente sbarcato alla cassa. È dimostrato che questa trasparenza dei prezzi favorisce le conversioni. Vi preghiamo di parlare con noi per vedere come possiamo aiutarvi.

Potete verificare se i vostri prodotti sono conformi alle regole di origine concordate nel capitolo 2 dell'accordo qui.

Dichiarazioni doganali
Quando il Regno Unito era nell'UE le merci che viaggiavano tra i due paesi non erano considerate importazioni ed esportazioni, ma ora la situazione è cambiata e c'è un confine doganale.

Le dichiarazioni doganali sono diventate un nuovo requisito per tutti i movimenti di merci tra il Regno Unito e l'UE. Questo interesserà circa 240.000 imprese del Regno Unito e 200.000 imprese dell'UE che per la prima volta dovranno compilare oltre 200 milioni di dichiarazioni. Ciò comprenderà l'applicazione della documentazione CN per lo sdoganamento postale e delle fatture commerciali per lo sdoganamento commerciale. Ciò rappresenterà un onere aggiuntivo per le imprese e le merci richiederanno più tempo per essere trattate alla frontiera.

Tuttavia, entrambe le parti si impegnano a limitare la burocrazia doganale, e avranno programmi di fiducia per accelerare le cose. Il Regno Unito afferma che ci saranno misure "su misura" e una maggiore cooperazione doganale per aiutare le imprese, compresa la cooperazione nei porti di roll-on e roll-off come Dover e Holyhead. L'UE dice che ci saranno specifici "accordi di facilitazione" per alcuni prodotti, tra cui il vino, l'automobile, i prodotti farmaceutici, biologici e chimici.

Si prega di consultare la nostra lista di controllo e il nostro foglio informativo per una guida alla compilazione della documentazione di sdoganamento.

Modifiche all'IVA del Regno Unito
Dal 1° gennaio 2021, l'IVA del Regno Unito sulle merci di valore fino a £135 sarà riscossa presso il punto vendita, e non presso il punto di importazione. Ciò significa che le imprese d'oltremare che vendono merci da importare nel Regno Unito, del valore fino a 135 sterline, saranno tenute ad addebitare e riscuotere l'IVA dovuta al momento della vendita. Esse dovranno essere in posseso di una Partita iva registrata nel Regno Unito per il pgamento dell'IVA attravesto un'apposita dichiarazione  fornita  da UK.

Gli importatori del Regno Unito registrati ai fini IVA (B2B) possono comunque scegliere di contabilizzare l'IVA fornendo la loro registrazione IVA al fornitore

Oltre a ciò, il Low Value Consignment Relief (LVCR) sarà abolito, il che significa che l'IVA sarà dovuta al momento della vendita su tutti i beni importati del valore fino a 135 sterline.

Per aiutare le imprese a gestire il flusso di cassa e le pratiche burocratiche, è stata introdotta la contabilità IVA differita (PVA) per le importazioni di valore superiore a 135 sterline. Il PVA consentirà alle imprese registrate nel Regno Unito di dichiarare e recuperare l'IVA all'importazione sulla stessa dichiarazione IVA, invece di doverla pagare in anticipo e recuperarla in seguito.

Modifiche all'IVA dell'UE
L'UE passerà a un modello di riscossione dell'IVA simile a quello introdotto nel Regno Unito, che sarà però efficace a partire dal luglio 2021 a causa delle difficoltà pratiche create dalle misure adottate per contenere la pandemia di coronavirus, dando agli Stati membri e alle imprese un tempo supplementare per prepararsi.

Quando si acquistano merci fino a 150 euro da venditori al di fuori dell'UE, l'IVA sarà addebitata al momento della vendita. Sarà inoltre eliminata l'attuale soglia dell'IVA di 22 euro per l'importazione di merci nell'UE. Ciò significa che l'IVA sarà dovuta su tutte le spedizioni non documentali dal Regno Unito all'UE.

Per le spedizioni intra-UE ci sarà una soglia di fatturato uniforme (da visualizzare annualmente) di 10.000 euro per l'intera UE, quindi se si supera tale soglia si dovrà pagare l'IVA nello Stato membro del cliente.


Vedi maggiori dettagli qui 

Cambiamenti nelle negoziazioni con i paesi non appartenenti all'UE
I venditori del Regno Unito, devono prepararsi ai cambiamenti del commercio con i paesi non appartenenti all'UE che hanno un accordo di libero scambio con l'UE.
Gli accordi commerciali di cui il Regno Unito fa parte come Stato membro dell'UE non si applicheranno più all'uscita dall'UE, quindi il modo in cui si accede agli accordi preferenziali esistenti con ciascun paese può cambiare.
Il governo del Regno Unito dopo la Brexit, sta lavorando a nuovi accordi, alcuni già conclusi ed altri ancora in corso, per sostituire gli attuali, non più vigenti.

Resi
La tratta di ritorno per gli ordini transfrontalieri, è in genere più problematica per i rivenditori rispetto alla consegna, soprattutto se si utilizzano ancora lettere di vettura cartacee per restituire i pacchi, poichè l'onere di produrre la corretta documentazione doganale, è a carico di chi spedisce il reso. Per la restituzione sarà necessaria una fattura doganale, insieme al riferimento alla spedizione originale in uscita.

Esistono soluzioni digitali che possono favorire l'esperenza di reso ai vostri clienti.  Parlate con noi per saperne di più.

 

Related Asendia Insights
17/02/2021

3 principali tendenze dell'e-commerce e come i venditori online possono…

L'inizio del periodo COVID-19 e il suo impatto drammatico sul mondo ha accelerato e sottolineato molte tendenze e sviluppi esistenti, in particolare…

09/02/2021

Polonia 2020: Rapporto sul commercio elettronico del paese

In collaborazione con Asendia, RetailX ha pubblicato il Poland 2020: E-commerce Country Report - lettura essenziale per ogni e-tailer che vuole…

27/01/2021

Cos'è l'e-commerce sostenibile e come ci possiamo arrivare?

La ricerca e il feedback dei clienti rivelano che gli e-shopper sono sempre più consapevoli del loro impatto sull'ambiente e sono attivamente alla…